Antonio Justel Rodriguez

IL GRAAL DI EBOR




...oltre gli ultimi mari, le ultime terre e luci,
tu eri;

… è entrato nel mio cuore come in un fuoco
e rose vive mi vennero incontro quando dissi che Elai era il tuo nome,
la mia fede e ragione, e la mia ultima, la mia eccelsa gloria;
Ho portato i miei tamburi, i miei labaro e le mie lance, le mie forze e i miei trionfi, come mio emblema,
olio terrestre,
comanda e sii,
il lignaggio;

... e niente era;

… negli atrii del silenzio, sotto la luce più pura, dall'altra parte del sangue, vive l'Amore;
ecco, ecco il mio Camelot, il mio Excalibur e, anche, il mio paese e la mia regina,
colei che sogna e brilla,
il mio Elai;

… quindi, ancora fuori le mura e pellegrino nel petto,
povero, nudo e cieco, sono solo;
ah rose vive, a quella, a quella che è la mia anima,
Puoi dirle che Ebor è morto e che Ebor la sta chiamando, vero?
***
Antonio Justel Rodriguez
https://www.oriondepanthosseas.com
***

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Antonio Justel Rodriguez.
Published on e-Stories.org on 04/17/2022.

 
 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Next title

More from this category "General" (Poems in italian)

Other works from Antonio Justel Rodriguez

Did you like it?
Please have a look at:


PRIMERA REFLEXIÓN - Antonio Justel Rodriguez (General)
Tounge-Twisters - Jutta Walker (General)
Fin d´Octobre à Avignon - Rainer Tiemann (Loneliness)