Saskia Charlotte Junker

Scappata per Austria.

Auszug eines Kapitels aus einem Buch, an dem ich arbeite.. .

 

 

SCAPPATA X AUSTRIA
Mi alzo la mattina presto. Un bel posto li , sopra il lago, sembra quasi abbastanza lontano. Non ho ancora deciso come proseguo. Il mio dispositivo rimasto spento. Lo so bene che appena che lo accendo mi arrivano degli messaggi silenziosi. E sanno dove sono. Anche se- praticamente lo sanno gia. Provare che non mi registrano col passaporto immediatamente non era risultata per niente. Arrivo in sala colazione. Il cameriere curioso ma gentile ma si vede che e subito sul coerente dopo che era tornata della cucina. Nonostante provo di ignorare questo fatto, sperando che non cambia nulla.
Se vorrei avere anche una succa di mela accanto al cappuccino. Dico di si. Dopo non lo so più se sarebbe stata meglio di non averlo preso. Quando faccio checkout dice: ma con la famiglia si risolverà tutto. Non lo avevo detto un bel niente.
Non posso dire dopo se era stata qualcosa in macchina o se era stata il succo quando mi sento al disagio fisicamente mentre che guido.
Pago e vado per la mia macchina. Vedo accanto delle pacchi di birra vuoti. E la birra he si chiama Paderborna. Mi da le brividi.
Apro la machhina, mi sedo. Realizzo che qualcuno era stato dentro perche i specchi sono messo in posizione diverso.
Cazzo. Che cosa era successo. Sapevano gia dove fosse io. Dove hanno fatto la manipulazione della macchina? Il radio? La batteria?
Decido a volo. Meglio di prolungare la minivacanza.. almeno per qualche giorno via completamente…
Chiamare il posto da dove ero partito? Meglio di non.. lo avranno gia capito che non tornerò. A la fine sarà stata chiara il momento che mi avevo lasciato dare il resto di soldi per il mese attuale finche di ieri.nessun giorno in piu. nessun in meno.
Mi dispiaceva un po.. erano stati gentile e mi avevano provato dare un mano. Pero la bestemmia delle donne a la fine mi avevano portati altri guai. Non potevano stare fuori vita mia? Che cosa avevano da fare? Anche se ero stata io chi aveva cominciato a raccontarle. Sempre nella speranza che finalmente facesse un fine a questa storia assurda, che finalmente qualcuno avrebbe il coraggio a raccontarmi la verita. Non.. non avevano la possibilita, non si sentivano capace per niente. Non.. meglio di non neanche dire.
Parto. Comincio di guidare, comincio di prendere la autostrada, accendo la radio..
Da un certo punto comincio sentire delle notizie strane, parlano di una macchina nera, nera come la mia, che sarebbe in fuga. Parlano anche delle droghe. E che ci sono delle controlli più alto agli confini.
Lo so che le persone da quale sono andata via sono amici con le carabinieri della zona.
Posso sapere se sono andati cosi avanti?
Continuo guidare… spegno il radio.. mi rende più nervosa che altro..
Guardo bene la strada.. controllo i specchi se ci sono delle macchine strane dietro di me. Per adesso non. Bene. Almeno una cosa.
Ma.. che cosa e questa macchina bianca dietro di due machine… per qualche motivo attira la mia attenzione…mi ricordo in un attimo.. era la macchina strana che al bivio per decidere quale autostrada sarebbe da prendere era rimasta in mezzo e poco dopo che avevo scelto io la direzione sceglieva la stessa… ma non voleva dire niente.. o tutto. Cosciente di essere più sensibile noto le cose pero non le do subito la interpretazione estrema.
Communque….testiamo lo…
Cambio il lato della autostrada e vado più veloce, accelero, cerco di superare 3 , 4 macchine… poi mi metto di nuovo sul lato destra… pocho dopo vedo che la macchina bianca fa nel stesso modo. Sempre pero tenendo la distanza di 2,3 machine.
Va beh.. forse una coincidenza… spero… anche se so già che e improbabile…
Allora faccio di nuovo, questa volta pero prendendo dopo la strada più a destra… Merda.. di nuovo… comincio di guidare esorbitante lento… la macchina rimane dietro. Vanculo.. vanculo con tutto questa gente. Ancora sperando di una stupidaggine la prossima volta che si può uscire di autostrada prendo la mia occasione… nel ultimo momento giro a destra.. esco…vado fuori e decido di continuare parte delle vie autostradali.. meglio anche se non sarebbe mica una coincidenza riguardando le notizie in radio.
Sono fortunata.. in pochi distanze da dove sono uscita sulla sinistra c’e una strada che poi pero e protetto di vista con alberi.. giro li, parcheggio.. Il guardo sempre sul specchio in attesa. Eccoci.. vedo la quale macchina bianca strana passando sulla strada principale.. ma sono fortunata.. per adesso non ha ancora capito che non ho proseguito li.
Aspetto ancora qualche minuto .. Poco tempo dopo vedo di nuovo la stessa machina.. questa volta in altra direzione..
Aspetto un attimo e so che e ora di muoversi… Comincio guidare.. guidare proprio in direzione avanti… cercando questa volta di rimanere fuori delle autostrade..
Sembra funzionare… riesco di arrivare al confine senza più avere delle macchine strane dietro…
Poco dopo che ci sono arrivata vedo una altra machina italiana… pero mi viene incontro, e seduto dentro un ragazzo, credo la mia eta. Sembra simpatico. Mi saluta e alza il dito. Il like. Come dire fatto bene. Mi saluta, poi sparisce.
Sembra che non solo i stronzi mi hanno seguiti.
Pero dove andare adesso.. torno in autostrada.. mi sento più calma, più sicura..
Poi mi viene in mente una idea.. perché non andare nel posto dove facevo la settimana di vacanza con il mio nonno. Non sarebbe mica male. Se sono fortunata troverò li anche il gruppo con quale incontrava lui ogni anno. Forse posso trovare un punto di riferimento.
Eccomi.. la destinazione e chiaro ma non lo so ancora bene per quanto e lontano. Chiedo ogni tanto alle stazione di benzina e poi prendo anche una mappa di Austria. Meglio che sempre chiedere.. cosi si lascia meno traccia … e A la fine non e cosi lontano. "
(...)

 

Full copyrights, Saskia Charlotte Junker

 

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Saskia Charlotte Junker.
Published on e-Stories.org on 05/20/2021.

 

The author

 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Next title

Does this Poem/Story violate the law or the e-Stories.org submission rules?
Please let us know!

Author: Changes could be made in our members-area!

More from category"Mystery" (Short Stories)

Other works from Saskia Charlotte Junker

Did you like it?
Please have a look at:

El Tercer Secreto - Mercedes Torija Maíllo (Science-Fiction)