Antonio Justel Rodriguez

PRIMA RIFLESSIONE




... questo disastro della mia vita, questo colpo sterminatore di angeli e rose,
questo evento che mi è penetrato nel petto e mi ha riempito il sangue di scompiglio
e la parola del cielo mi assedia, mi scuote e mi ferisce;
... non voglio esagerare com'è la solitudine mentre si insegna,
o come arriva la stupidità del tempo e invade le spalle,
braccia, vita e piedi furtivamente, come tira sul divano del pazzo
perché non ci sono più uccelli che passano dalla finestra e il danno è grande:
una costellazione sconosciuta e incontrollata di assi e corpi, stridore e ordini;
So che è un momento di minima virtù e di pochissimo uomo,
una colluttazione di lupi ingabbiati da e nel mio stesso freddo;
...ma so anche che passerà questa mia rovina, benché a quella risurrezione
nessuno viene convocato e i lupi mi ululano addosso ora per ora, giorno per giorno e anno per anno
dalle vene tese e gelide del cuore;
… Io, credo nella vita delle mie ossa assediate;
Dove altro costruirò ciò che spero?
Dove e come, se no, libertà?
***
Antonio Justel Rodriguez
https://www.oriondepanthoseas.com
 

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Antonio Justel Rodriguez.
Published on e-Stories.org on 06/22/2021.

 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Next title

Does this Poem/Story violate the law or the e-Stories.org submission rules?
Please let us know!

Author: Changes could be made in our members-area!

More from category"General" (Poems)

Other works from Antonio Justel Rodriguez

Did you like it?
Please have a look at:

VRIJ - Antonio Justel Rodriguez (General)
RENAISSANCE - Mani Junio (General)
Flying home - Inge Offermann (General)