Antonio Justel Rodriguez

29 VERSI-BASE





... nell'unità cosciente e ritmica dell'essere, nel suo silenzio più acuto e acuto,
Voglio mettere in questo e con esso la perfetta solitudine e quiete e vedere nei tre le loro fiamme,
toccali, e, in quell'unione totale, ascoltali, sentili essere, vivi in ​​loro e con loro,
come fossero entità e luci originarie,
vibrano e accettano, quindi, le loro interazioni siderali ed equazioni vergini,
 così come i suoi occhi di sguardo pulito con labbra e lingue di parole imbattute,
come se lo fossimo, insisto e dico - dopo l'infinito e l'infinito di anni e secoli -
vita innata, sangue e voce dell'eternità,
perché se la mente è eterna, eterna e cosmica palpita, essa serve ed è il cuore;
[... perché istante per istante, e ciocca per ciocca,
costruendolo sulle altissime vette di questo DNA recondito del XXI,
- in quelli, in quelli di sussurro quantistico top secret -
certo il cuore custodisce e ordina, colpo dopo colpo, il suo respiro profondo,
nelle gemme più preziose, atomi di violetta primitiva ed esaltatissima,
nella sua dolce bellezza, nella sua vetta o vetta spirituale]
... ed è che di più, al di là dell'isolamento, della solitudine e della chiusura,
- in cui è e regna il silenzio assoluto -
anche al di là dello stupore e del terrore carnale della morte, di più, di là ancora -
sorge potente e invincibile, la nostra potenza compassionevole con la sua volontà ardente,
con le loro prove o prove con cui costruire o salvare un'anima di un inno inestinguibile,
quello, quello degli scudi e dei lanci vivi al servizio di un impulso o impulso di frequenza immunitaria,
con cui calpestare e superare coraggiosamente le gravi trance del vivere, quelle dell'intimo silenzio, quelle del massimo splendore...
... quindi potremmo consapevolmente sigillare una tale digressione,
con pieno zelo per la sua sintesi:?
perché se solitudine e quiete sono incudini di tempra e luce del genio della vita,
e il dono del silenzio che, elevando la nostra presenza spirituale, la esalta e la magnifica,
Non è saggezza allora io insisto e dico,
 l'ordine superiore, l'immensa sinfonia, il canto immortale e autentico del mondo...?
***
Antonio Justel Rodriguez
https://www.orindepanthoseas.com
***

 
 

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Antonio Justel Rodriguez.
Published on e-Stories.org on 07/05/2021.

 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Next title

Does this Poem/Story violate the law or the e-Stories.org submission rules?
Please let us know!

Author: Changes could be made in our members-area!

More from category"General" (Poems)

Other works from Antonio Justel Rodriguez

Did you like it?
Please have a look at:

Pertenencia y libertad - Antonio Justel Rodriguez (Politics & Society)
Winter Day - Inge Offermann (General)
Die Stadt an drei Flüssen - Paul Rudolf Uhl (Life)