Gabriele Zarotti

FINIS TERRAE



 

Deserta

è la spiaggia

del mito lungo i confini.

 

Grigio il cielo.

Grigio il mare.

 

Seduto sulla sponda del tempo

osservo l’oceano, 

mentre immagini e  parole  

si confondon nell’abisso

che scolora.

 

Sono arrivato.

 

Come immaginarlo, 

allora,

quando bastavan poche note per

volar lontano.

 

Dopo lungo correre,

caso, fortuna, orgoglio,

non l’impresa,

m’han portato qui

all’altro capo della terra,

estremità

del mondo nuovo.

 

Il sogno s’è compiuto.

 

E nel tumulto di emozioni 

salgono improvvisi i versi del poeta

e travolgono ragione e sentimento,

squassando come magnetica tempesta 

quel che resta del piccolo mio essere

fino alle lacrime

 

………………………………………………

ecco, la terra sfuma e si profonda 

dentro la notte fulgida del cielo.

………………………………………………………

soffio possente d’un fatale andare,

oltre la morte; e m’è nel cuor, presente 

come in conchiglia murmure di mare. 

O squillo acuto, o spirito possente, 

che passi in alto e gridi, che ti segua! 

ma questo è il Fine, è l’Oceano, il Niente

e il canto passa ed oltre noi dilegua.”

…………………………………………….

 

Io mi fermo qui,

tanto mi basta.

A poco serve sgambettare e sgomitare.

Bene è ristare,

più oltre non credo valga andare.

 

(Santa Monica, quel giorno d’ottobre 1989,)

 

 

* Da “Alexandros” di Giovanni Pascoli.

 

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Gabriele Zarotti.
Published on e-Stories.org on 11/20/2021.

 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Next title

Does this Poem/Story violate the law or the e-Stories.org submission rules?
Please let us know!

Author: Changes could be made in our members-area!

More from category"Emotions" (Poems)

Other works from Gabriele Zarotti

Did you like it?
Please have a look at:

Ci sono attimi. - Gabriele Zarotti (Remembrance)
Good bye - Jutta Knubel (Emotions)
Boules dīargent - Rainer Tiemann (Remembrance)