Antonio Justel Rodriguez

LA NOSTRA CASA



- 3° canto alla vecchia casa della mia nascita, quella dei miei genitori,
quella dei miei nonni e bisnonni, quella di Vecilla de la Polvorosa -



... crepe, la casa soffre,
intimamente esausto,
gemiti...;
chi verrà a salvarla, se tutti siamo fuggiti in cerca di armature di ferro,
affrontare orrori e segni di calamità;
tuttavia si nota che, attaccato alle pareti, quello dietro le porte
o nella fuliggine del focolare, ci sono violini che suonano in onore di un altro tempo famoso,
e che i sassi, la vite, il forno, il cordolo del pozzo sono ancora vivi,
e che anche la voce e l'aria,
ancora, ancora... ;
… è così che, sebbene facciano male, si ritorna alle rose perdute, ai gigli che erano,
ai gigli, alle rondini del cuore;
... So che c'è stata una rottura ciclopica, infinita:
ma ecco la casa, in attesa che questa enorme minaccia passi e passi
o ciclone della morte imbattuto;
"... aprite, allora, le porte, gridiamo la libertà e tornino i gigli,
i gigli e le rose”;
oh voce d'amore, oh faro o casa/luce,
oh sete e dono vitale,
oh, oh casa, casa nostra.
***
Antonio Justel Rodriguez
htps://www.oriondepanthoseas
***
 

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Antonio Justel Rodriguez.
Published on e-Stories.org on 06/22/2022.

 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Next title

Does this Poem/Story violate the law or the e-Stories.org submission rules?
Please let us know!

Author: Changes could be made in our members-area!

More from category"General" (Poems)

Other works from Antonio Justel Rodriguez

Did you like it?
Please have a look at:

IRRUPÇÃO DA MOLA - Antonio Justel Rodriguez (General)
RENAISSANCE - Mani Junio (General)
Apocalypse now - Heino Suess (Sorrow)