Antonio Justel Rodriguez

DICHIARAZIONE: XXI SECOLO




… Vado leggero, non ho più niente;
il fuoco ha consumato il mio essere mortale e le mie cose,
il mio riflesso o dualità, i suoi pezzi o porzioni:
la mia ultima luce
e la mia ultima lama
… ora sono e vivo nell'inafferrabile,
motivo per cui odo e vedo, sento e rivivo ovunque,
e là dove intuo la calamità terrestre con cui un giorno usai e distrussi la mia libertà;
tutto, quindi, ho dato: macchina, vestiti, corredi, feste, ponti e concetti,
amore e memoria,
tutto,
e così le ossa, la mia stessa pelle e le mie stesse anime,
come un torrente igneo, tutto, tutto è andato;
… la novità del risorto è questo udito o voce universale,
- la sua armonia -
e anche, oh, la sua enorme nudità: la pace senza nome;

… no, qui non c'è più tempo per risparmiare più ore di orologio;
una nuova fenice infinita raggruppa il cuore e accende il canto:
l'ombra della luce, non esiste in lui.
***
Antonio Justel Rodriguez
https://www.oriondepanthosseas.com
***

 

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Antonio Justel Rodriguez.
Published on e-Stories.org on 08/27/2022.

 
 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Next title

More from this category "General" (Poems in italian)

Other works from Antonio Justel Rodriguez

Did you like it?
Please have a look at:


Cielo redentor y furia - Antonio Justel Rodriguez (Lyrics)
Winter Day - Inge Offermann (General)
Winter Day - Inge Offermann (General)