Antonio Justel Rodriguez

LA NOSTRA CASA


[3° Canto alla vecchia casa natale, quella dei miei genitori,
quello dei miei nonni e bisnonni, quello di Vecilla de la Polvorosa]

====

...crepe, la casa soffre,
intimamente esausto,
geme...;
Chi verrà a salvarla, se tutti siamo fuggiti in cerca di un'armatura di ferro,
affrontare orrori e segni di calamità;
Si nota però quello, attaccato alle pareti, quello dietro le porte
o nella fuliggine della casa suonano i violini in onore di un'altra epoca famosa,
e che le pietre, la vite, il forno, l'orlo del pozzo sono ancora vivi,
e che anche la voce e l'aria,
ancora, ancora... ;
...è così che, anche se fanno male, si ritorna alle rose perdute, ai gigli che furono,
ai gigli, alle rondini del cuore;
…lo so che c’è stata una rottura ciclopica, infinita:
ma ecco la casa, in attesa che questa enorme minaccia passi e passi
o ciclone di morte imbattuto;
“… apriamo le porte, gridiamo libertà e tornino i gigli,
i gigli e le rose”;
oh voce d'amore, oh faro o casa/luce,
oh sete e dono vitale,
oh, oh casa, casa nostra.
***
Antonio Justel/Orione di Pantheseas
https://www.oriondepanthoseas.com
***

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Antonio Justel Rodriguez.
Published on e-Stories.org on 01/28/2024.

 
 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Next title

More from this category "General" (Poems in italian)

Other works from Antonio Justel Rodriguez

Did you like it?
Please have a look at:


DECLARATION: XXI CENTURY - Antonio Justel Rodriguez (General)
Flying home - Inge Offermann (General)
Flying home - Inge Offermann (General)