Antonio Justel Rodriguez

VIA LATTEA




...così fitta è la notte,
che guardo il cielo turbato da una enorme leggerezza;
...dove, dove sono - mi dico - e che dio è questo,
che mi solleva così in alto, che mi approfondisce e mi mantiene in questo adarma del corpo,
E di fronte a tanta immensità mi attanaglia e mi falcia il petto come una lama?
Chi, chi sono io per iniziare la vita per la prima volta in questa quiete del mondo
e desideri un volo come la speranza?
...all'amore del sentiero, le lucciole gridano con la loro lucina,
mentre con me stormiscono i veli del sangue e dell'erba,
le pietre bianche e i pioppi;
...ma la Via Lattea è ancora enorme e alta, e, mio ​​caro Dio,
allarga i suoi ammassi celesti affinché qui, così lontano, non prenda fuoco né muoia;
...stasera, no, non potrò più dimenticarlo.
***
Antonio Justel/Orione di Pantheseas
https://oriondepanthoseas.com
***

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Antonio Justel Rodriguez.
Published on e-Stories.org on 04/09/2024.

 
 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Next title

More from this category "General" (Poems in italian)

Other works from Antonio Justel Rodriguez

Did you like it?
Please have a look at:


DALLA FINESTRA - Antonio Justel Rodriguez (General)
Winter Day - Inge Offermann (General)
Tounge-Twisters - Jutta Walker (General)