Antonio Justel Rodriguez

DEL LAVORO DI UN TEMPO [o shock della memoria]




...a volte, entra nel cuore per un po' con cattiveria e asce e accampamenti viventi al suo interno,
senza pietà lo spacca e lo sloggia, lo getta in una discarica e lì lo maledice,
Lo schiaccia con disprezzo e lo sputa e poi se ne va;
…e con il cuore teso, con il sangue aggredito e gli uccelli che beccano la ruggine
dove l'essere era illuminato,
non è necessario vivere, perché allora nessuno dubiterà che uno sia morto
e che – come semine di sale e di sabbia – anche i cardi, i muschi e le erbe cominciano a crescere,
nessuno, nessuno perché il vento comincia a ululare e a lasciare verderame sulle sue ossa,
segni inconfondibili con cui la solitudine scruta e riempie i suoi interstizi;
...perciò, quando nel pieno di un momento brutale, nasce in qualcuno una rosa,
tende a ignorare che è lì che nasce,
poiché giurerà e spergiuro che il suo sangue infetto e il suo essere devastato non esistono,
che la luce e il tempo sono passati e le sue asce da guerra non possono più ferirlo,
perché nel suo rigoroso nulla,
tenderà a credere che le sue mani di pietra non potranno più sollevare la vita
della piacevole brace del cuore;
…e, ancora, ancora e così,
Nella sua ansia di riprendere il battito cardiaco, si muoverà, piangerà, implorerà e urlerà,
più soddisfatto del dolore, come un dio sotto un sole desolato, ricorrerà alla memoria,
ma questo, da quell'enorme abbandono,
Verrà trasportato da un implacabile mare di indicibile dolore e tristezza:
Indolente e danneggiata, non ricorda le rose.
***
Antonio Justerl/Orione di Pantheseas.
https://oriondepanthoseas.com
***

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Antonio Justel Rodriguez.
Published on e-Stories.org on 04/30/2024.

 
 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Next title

More from this category "General" (Poems in italian)

Other works from Antonio Justel Rodriguez

Did you like it?
Please have a look at:


HERFST ODE: VERBLIJF - Antonio Justel Rodriguez (General)
Chinese Garden - Inge Offermann (General)
It is love... - Jutta Knubel (Love & Romance)